Chi siamo Le moto I viaggi Eventi In programma Documenti e utilitÓ Link Contatti
i Viaggi dei nostri Lettori
Stampa   Home page      Condividi su Twitter!  Condividi su Google+!  Condividi su LinkedIn!
I viaggi
« Torna all'elenco dei viaggi

Cambogia Experience
• Dal 27/12/2014 al 06/01/2015
Itinerario:
Mostra la mappa dell'itinerario completo |
Tot. Km percorsi:


VEDI LA GALLERIA FOTO E VIDEO di questo viaggio


Diario di viaggio a cura di Alessandro e Giusy

27.12.2014
 
Sveglia prestissimo per essere alle ore 06.00 all´aereoporto di Firenze per pratiche di imbarco.

Ore 07.05 partenza per Parigi, cambio aereomobile per Canton con ulteriore cambio per destinazione SIEM REAP.


28.12.2014   Arrivati a Siem Reap (Siamesi sconfitti) il caldo ci assale e ci spogliamo subito dai giubbotti e maglioni invernali. Disbrigo pratiche con visto turistico ed impronte digitali.

Dopo circa 45 minuti usciamo dall´aereoporto con valige annesse, incontriamo la nostra guida e l´autista che ci accompagnerà per tutto il viaggio. Arrivati all´albergo veloce doccia, vestizione estiva e primi tour guidati per la città.

Visitiamo un centro d´artigianato locale dove lavorano giovani con grande manualità lavorativa su legno, pietra, doratura e tessuti in seta (acquisti vari)

Poi visitiamo il mercato locale con prime sorprese (ciotole contenenti insetti, vermi....), usciti andiamo al nuovo mercato (turistico), dove Gianluca fa i primi acquisti. Proseguiamo dalla parte opposta del fiume e ci dirigiamo in una zona turistica con vari negozietti fra cui fishpeelling.

In questo mercato vediamo per la prima volta una signora  che vende le uova con pulcino annesso. Visitiamo il tempio più importante della città con parco e sugli alberi di alto fusto c´erano vari pipistrelli giganti. A fianco del tempio un altro, molto più piccolo, per solo donne. Vari venditori di incenso, fiori di loto ed uccellini che vengono acquistati e liberati per augurio. La sera cena nella famosa Pub Street (300 metri di strada con ristoranti uno accanto all´altro, bar e venditori ambulanti).



 


29.12.2014  Oggi è il grande giorno che tutti ci aspettavamo: visita al sito di Angkor. Alla biglietteria c´è molta fila, ma scorre veloce. Il biglietto è valido 3 giorni con tanto di foto digitale fatta al momento (sono più avanti di noi). Iniziamo la visita dall´ Angkor Wat su 3 livelli (prima della guerra vi erano 1000 buddha, con bassorilievi e 3000 ninfe celesti o dee chiamate "Apsara" (bei tempi). Nel sito incontriamo varie coppie di sposi. Continuiamo la visita del Ta Prohm, dove è stato girato il film Tomb Raider con Angelina Jolie nel ruolo di Lara Croft. Terrazza del Re Lebbroso e degli Elefanti dove venivano effettuate cerimonie,  Bayon con tante facce sorridenti e bassorilievi di vita quotidiana. Passaggio dalla porta sud sul ponte e rientro col tramonto ad Angkor Wat. Cena sempre a Pub Street in un ristorante dove cucinavamo noi a base di carne e verdura cotta a vapore.










30.12.2014  Giornata di visite a templi appena fuori della città sulla collina. Tempio Hindù a Shiva di Banteay Srei. Lungo il tragitto incontriamo donne che lavorano nei campi alla raccolta del riso. Il tempio è chiamato delle donne per gli intagli particolari e minuziosi. Passeggiata nella giungla di km.1,5 A/R sulla collina fra radici e scale per vedere le famose sculture sulle pietre e le mille linga (cerchi) con cascatella dove 2 turisti hanno fatto il bagno (vero Elena?????) e grotta (tana della tigre). Rientro in città con visita al tempio Preah Khan (spada sacra), tempio buddista con buddha senza testa e Apsara con vestiti decorati a fiorellini. Serata con cena a Pub Street.





31.12.2014  Altra giornata di visite al templi Preah Ko (bue sacro) IX sec. costruito con mattoni di arenaria più vecchio dei precedenti. Tempio Bakong degli elefanti (dedicato a Shiva), tempio Lolei in restauro con monastero buddista su un bacino artificiale. 

Premessa:  durante le visite ai templi c´erano dei piccoli gruppi di suonatori vittime mutilate dalle mine della guerra.

Gita in barca sul lago Tonle Sap con villaggio di pescatori dove lungo la strada seccano il pesce. Abbiamo incontrato dei bambini all´uscita della scuola. Nel lago convivono sia vietnamiti che cambogiani. Serata di fine anno in hotel divertente ed unica. Ad animare la serata c´era BUCHILIO e la cantante, che senza tacchi era 1,50 mt..Fine serata di balli con personale dell´albergo. Abbiamo offerto loro il panettone portato in valigia dall´Italia ed il manager dell´hotel ci ha contraccambiato offrendoci una bottiglia di spumante. Buon Anno con fuochi d´artificio.





 


01.01.2015  Lasciamo Siem Reap con direzione Battambang. Lungo il tragitto abbiamo modo di vedere usi e costumi cambogiani. Cambio di programma. Al posto di visite di altri templi pre angoriani, visitiamo un allevamento di coccodrilli, lavorazione della carta di riso per fare gli involtini primavera e visita di delle tante case coloniali. Vari matrimoni veramente spettacolari. Vi segnaliamo un ristorantino very, very, nice...IL TRUCIDO. Il ristorante non figura su nessuna guida ma non per questo è brutto, anzi.

Il piano terra è di uso locale, il piano superiore è per vip. Tavoli bisunti con passerottini in volo e sui tavoli per mangiare qualche briciola. Il bagno in comune con i titolari, di fronte camera da letto, ma è la cucina il pezzo forte.

Grande mangiata di gusto........solo per Alessandro, Gianluca lasciato il piatto quasi per intero, mentre le donne un piatto di patatine fritte bene in due e nessuna bibita.

Dopo questa abbuffata, ci siamo diretti nel tardo pomeriggio nella zona del trenino di bamboo. Trenino molto particolare con piano di seduta in legno con stuoia e cuscini, a motore con scambio e discesa passeggeri con smontaggio e rimontaggio treno essendo ad unico binario. Attraversiamo una parte di boscaglia dove vive la popolazione locale ed arrivati a destinazione piccolo mercatino locale dove le persone si spostano con lo stesso treno ma al posto del motore usano dei pali di bamboo per spingere il trenino. Ripartiamo al tramonto con foto suggestive. Cena in hotel (il Trucido era pieno), ex palazzo coloniale gestito da una francese; buona la zuppa di cipolle arrivata solo a Giusy.






02.01.2015  Direzione verso PNH-Paesaggi rurali e vita quotidiana. Sosta con gita in battello a Kompong Loung (città delle barche). Sulla terra ferma vivono i cambogiani, mentre sul lago vivono sia i vietnamiti con barche colorate (più ricchi) e cambogiani. Nel periodo di secca trasportano la casa galleggiante verso la terra ferma. E´ la più grande comunità sul lago. Ci dirigiamo a Kompong Chhnang porto turistico simile a K.Loung più grande, siamo gli unici turisti e visitiamo il mercato veramente pittoresco e regaliamo ai bambini che incontriamo gadgets dell´ultimo dell´anno.

Durante il tragitto fermata alla toelette della stazione SITA locale. La Giusy esce dalla pseudo toelette con le risvolte sui pantaloni. Visita al tempio buddista più venerato, chiuso in quanto all´interno vi sia una grossa statua di buddha; vi hanno girato diversi films, colonne con garuda ed apsare varie più moderne. Nel periodo dei Kmer rossi il tempio veniva utilizzato come prigione ed a circa 20 km. i prigionieri venivano uccisi.  Al muro del tempio Alex e Gianluca hanno fatto pipì autorizzati dall´autista. Cena in hotel a buffet.




03.01.2015  Visita al palazzo reale. Il monarca ha 3 guardie del corpo 7 mogli, 15 figli; ha studiato nella repubblica Ceca ed in Francia. Il 1° ministro, al contrario, ha 3000 guardie del corpo ed è in carica dal 1985 (questo fa capire, nonostante l´alta considerazione del re, quanta poca influenza abbia sulla situazione politica-governativa del paese). Visita alla Pagoda d´argento con 5000 piastrelle d´argento e buddha con diamanti. Visita al Museo Nazionale ed al mercato Russo dove negli anni ´80 i russi venivano a comprare merci di ogni genere. Passeggiata sul lungo fiume con palazzi coloniali e visita al tempio Watt sulla collina vicino all´albergo che dà il nome alla città. I cambogiani vengono a questo tempio per chiedere delle grazie per buona fortuna sulla vita, per esami od affari e se vengono esaudite ritornano con offerte. Cena in hotel.



04.01.2015  Visita al centro genocidio di Choeung Ek fuori città. Veramente toccante, possiamo paragonarlo ad Auschwitz asiatico. In questo luogo sono state sterminate  2-3 milioni di persone, il 40% della popolazione, la classe medio alta, donne e bambini (albero della morte) durante il regime di Polt Pot dal 1975 al 1979. Vi sono varie fosse e tutt´ora si cammina su resti di ossa e brandelli di vestiti umani. I kmer rossi dalla prigione S-21 (nella città) portavano i prigionieri in questo luogo (ex cimitero cinese) a bordo di camion nella notte per poi essere uccisi.

Stupa commemorativa, la più grande, con teschi e ossa umane. Visita alla prigione S-21 (Tuol Sleng). Le prime stanze (più grandi) venivano usate per detenuti di alto ceto sociale, mentre le altre stanze erano in comune con gli altri detenuti di ceto medio. Pranzo al ristorante Titanic sul lungo fiume dove c´è una Apsara veramente graziosa. Pomeriggio di shopping al negozio dell´artigianato (lo stesso di Sieam Reap) ed in una gioielleria dove è stata anche Angelina Jolie, la nostra guida ci saluta e noi andiamo alla sede del patriarcato buddista cambogiano (Wat Ounalom). Tempio buddista fondato nel 1443, abbiamo assistito ad una funzione religiosa, dopodichè andiamo con il tuk tuk al mercato Psar Thamei ricostruito con contributi francesi in stile art-decò con cupola ziggurat babilonese fra le 10 più grandi del mondo. Locale molto aereggeto, valido e migliore di quello russo. Cena al Titanic portati col tuk tuk da Sam (conosciuto la sera prima all´uscita dell´albergo per portarci nella zona del palazzo reale per fare delle foto notturne).

Sam ci aspetterà per tutta la cena e ci porterà in una visita notturna di PHN speciale fuori dagli schemi turistici.



05.01.2015  Partenza dall´albergo ore 11.00 con traffico caotico, pratiche check-in, di nuovo impronte digitali e by by Cambogia.


06.01.2015  Arrivo a Firenze alle ore 12.00 con sosta per ritiro bagagli molto lunga.



CONCLUSIONI: Popolo povero, ma dignitoso. Guide esperte, valide (a Siem Reap ex monaco buddista - trasferimento a Battambang anche se in inglese ma molto disponibile ed infine a PHN vice presidente delle guide cambogiane della città). Ricorderemo i famosi e bellissimi templi, la giungla, i bambini che parlano inglese anche se la parola d´ordine è "one dollar",  il sorriso di questo popolo sottomesso più volte e così povero ma con voglia di riscattarsi con il turismo. Ci riusciranno? 

A tutti quelli che abbiamo conosciuto ed incontrato e lasciato qualcosa di nostro "OKUN" - GRAZIE.

 

 



Commenti
Nessun commento...
Lascia un commento
Nickname:
Commento:
Riscrivi il codice che leggi: , qui: